Perché Tapiro onnivoro?

Tutto avvenne anni e anni fa... prima di Striscia... molto prima che il Tapiro diventasse un animale conosciuto ai più grazie alla fama televisiva.
In un momento qualunque, durante un inverno tra il 1990 e il '92..... continua a leggere

Su Apple store

Su Apple store
di Gabriele e Valentina Baldi - Edizioni Alpha Test

Tapiro's urban creations

Tapiro's urban creations
La mia segreta passione per lo shaping....

About Me

Le mie foto
gabribaldi
Sono uno dei tanti che sogna di trasferirsi con tutta la famiglia in un agriturismo immerso nel verde con a disposizione il sole e le onde del mare, strade e sentieri per bici da corsa e MTB, il vento per la barca a vela, l'ombra degli ulivi, le falesie....
Visualizza il mio profilo completo

Frasi celebri

Cavilla sui tuoi limiti ed essi ti apparterranno (Richard Bach)
Powered by Blogger.
giovedì 21 novembre 2013

Passatelli di pane di Matera e Moliterno con zuppa di cime di rapa

Ciao a tutti, finalmente pronto con le prime ricette per il concorso #mangiarematera cui sto partecipando!
Il tema è il grano senatore cappelli e infatti mi hanno spedito un graditissimo pacco contenente diversi prodotti tutti a base di questo splendido grano duro.
L'idea della ricetta mi è venuta da un piatto mangiato da mangiaridistrada a Milano, dove gustai un'ottima zuppetta di cima di rapa con cavatelli. Volevo però usare il pane nel piatto e quindi l'idea dei passatelli. Ho poi usato una parte di canestrato di Moliterno nell'impasto per dare più carattere ai passatelli e per rimanere nella regione Basilicata.
Il risultato è un'ottima zuppa, un diverso modo di mangiare la classica pasta con le cime di rapa.

Ingredienti x 4:
  • Pane di Matera I.G.P. raffermo (solo mollica) g. 120
  • Canestrato di Moliterno I.G.P. g. 60
  • Parmigiano reggiano g. 60
  • Semola senatore cappelli g. 30
  • Uova medie n 3
  • Cime di rapa g. 1000
  • Aglio
  • Peperoncino fresco
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale e pepe




Preparazione:
Pulite le cime di rapa e sbollentatele per 6 minuti in 3 litri circa di acqua salata
Scolatele lasciando la pentola con l'acqua di cottura sul fuoco e ponetele in uno scolapasta affinché scolino l'acqua in eccesso.

Mentre le cime scolano preparati i passatelli.
Grattugiate il pane di Matera raffermo e i due formaggi, miscelate il tutto in una ciotola insieme a metà della semola, unitevi un pizzico di sale e di pepe
Aggiungete le uova appena sbattute e lavorate bene il tutto fino a ottenere un impasto omogeneo e piuttosto sodo, eventualmente aggiungete ulteriore semola se dovesse essere troppo umido.
Con l'apposito utensile preparate i passatelli.
Gettate i passatelli nell'acqua di cottura delle cime di rapa, appena vengono a galla spegnete il fuoco e coprite lasciandoli riposare così per 10 minuti.

Mentre i passatelli completano il riposo ripassate in padella le cime di rapa per 5 minuti con 2 cucchiai di olio, aglio e peperoncino fresco a piacere.
Scartate agli e peperoncino, trasferite le cime di rapa saltata in un recipiente adatto per frullarle con il frullatore a immersione.
Frullatele per un paio di minuti aggiungendo 2 cucchiai di olio e la loro acqua di cottura per ottenere una zuppa fluida ma ancora piuttosto densa. Regolate si sale.

Disponete la zuppa in delle ciotoline individuali, scolate i passatelli e divideteli in parti uguali nelle ciotoline, aggiungete un giro di olio a crudo e servite.

Un rigraziamento a MangiareMatera per l'opportunità di partecipare!



2 commenti:

Teresa De Masi ha detto...

Pubblicata anche questa... ancora auguri!

gabribaldi ha detto...

Grazie ancora :)

anche su Profumi dal Forno

e su facebook