Perché Tapiro onnivoro?

Tutto avvenne anni e anni fa... prima di Striscia... molto prima che il Tapiro diventasse un animale conosciuto ai più grazie alla fama televisiva.
In un momento qualunque, durante un inverno tra il 1990 e il '92..... continua a leggere

Su Apple store

Su Apple store
di Gabriele e Valentina Baldi - Edizioni Alpha Test

Tapiro's urban creations

Tapiro's urban creations
La mia segreta passione per lo shaping....

About Me

Le mie foto
gabribaldi
Sono uno dei tanti che sogna di trasferirsi con tutta la famiglia in un agriturismo immerso nel verde con a disposizione il sole e le onde del mare, strade e sentieri per bici da corsa e MTB, il vento per la barca a vela, l'ombra degli ulivi, le falesie....
Visualizza il mio profilo completo

Frasi celebri

Cavilla sui tuoi limiti ed essi ti apparterranno (Richard Bach)
Powered by Blogger.
mercoledì 24 aprile 2013

Racconto di un corso: Lievito Madre con farina Petra presso il molino Quaglia




Rientrato. Dopo due giorni di full immersion al corso sui "fermenti di Petra": il(i) lievito(i) madre mantenuto(i) con farina Petra1 del molino Quaglia di Vighizzolo d'Este (PD).
Un corso molto molto bello. Sicuramente il migliore sul lievito madre tra quelli che ho potuto seguire sinora. L’idea di base è toccare con mano come le diverse possibili gestioni di un lievito madre possano influire sul prodotto finale, assaggiando poi i risultati. L’obiettivo, ambizioso, è fornire ai corsisti gli strumenti per poter “pensare” un prodotto e poi realizzarlo orientando il lievito madre a lavorare nella direzione voluta.
lunedì 8 aprile 2013

Il pane: mettiamo le mani in pasta! - Introduzione

Leggete una ricetta che recita molto precisa i suoi passaggi, come un vangelo, con i tempi scanditi con precisione svizzera.
La ripetete selezionando la stessa farina dell'autore, cercando di rispettare tutto alla perfezione, tempi seguiti al millesimo di secondo, ecc ecc. Ma alla fine... il pane non riesce come avete sperato?
Questa è la situazione tipica in cui si ritrovano la maggior parte degli appassionati. Questo avviene così spesso proprio perchè si replica la ricetta come un robot, senza capire ciò che succede nei vari passaggi, seguendo l'orologio con fede assoluta ma senza capire quando è davvero il momento di fare le operazioni richieste.

Se mi avete seguito in questi mesi sapete che sono un appassionato particolarmente pignolo e preciso nelle sue realizzazioni, sono per natura piuttosto competitivo verso me stesso e molto critico sui miei pani. Ho pubblicato diverse ricette cercando di dettagliarle il più possibile. Questo livello di dettaglio aiuta alcuni ma confonde altri perché certi concetti non sono facili da spiegare, il rischio è di concentrarsi sul centesimo di grammo invece che sulle cose importanti.

Progetti in corso

Non sono bene come iniziare e cosa scrivere in questo post.
Un lettore mi ha fatto notare che in effetti è un po' che non scrivo nulla.
Provo a raccontarvi qualcosa di ciò che sto facendo e che mi sottrae il tempo necessario a fare le pubblicazioni.

Con alcuni amici stiamo lavorando a una nostra versione del Pane di Matera e della Baguette classica, questo si è tradotto in diverse prove che ancora non hanno dato il risultato che cerchiamo, pur essendo molto vicini.
Non avendo quindi una procedura "perfetta" da pubblicare non ho pubblicato.

Oltre a questi lavori sto preparando una serie di articoli sulla panificazione, non proprio le basi, un pelo più approfonditi. Degli articoli su quelli che ritengo essere i concetti chiave che stanno dietro un ottimo pane. Proporrò questi articoli uniti a degli esperimenti da fare in casa per poter coniugare teoria e pratica, comprendendo quindi al meglio i concetti. La stesura dei test, degli esperimenti, i test, le foto e i video mi stanno portando via parecchio più tempo di quanto pensassi, purtroppo.

anche su Profumi dal Forno

e su facebook