Perché Tapiro onnivoro?

Tutto avvenne anni e anni fa... prima di Striscia... molto prima che il Tapiro diventasse un animale conosciuto ai più grazie alla fama televisiva.
In un momento qualunque, durante un inverno tra il 1990 e il '92..... continua a leggere

Su Apple store

Su Apple store
di Gabriele e Valentina Baldi - Edizioni Alpha Test

Tapiro's urban creations

Tapiro's urban creations
La mia segreta passione per lo shaping....

About Me

Le mie foto
gabribaldi
Sono uno dei tanti che sogna di trasferirsi con tutta la famiglia in un agriturismo immerso nel verde con a disposizione il sole e le onde del mare, strade e sentieri per bici da corsa e MTB, il vento per la barca a vela, l'ombra degli ulivi, le falesie....
Visualizza il mio profilo completo

Frasi celebri

Cavilla sui tuoi limiti ed essi ti apparterranno (Richard Bach)
Powered by Blogger.
martedì 14 luglio 2009

Rotolini di verza, mortadella e pistacchi

Un finger food da aperitivo, inventato in occasione del natale partendo chiaramente dai classici involtini di verza lombardi. Questi però sono crudi, freddi, croccantissimi, insomma da provare!


Ingredienti:
1 verza
150 gr di mortadella
100 gr di ricotta
50 gr di robiola
50 gr di Leerdammer
50 gr di pistacchi sgusciati
cannella
pepe
sale

Preparazione: pulite la verza, scartate le prime 2 foglie e staccatene ulteriori 5 o 6 senza romperle.
Eliminate la costola dura dalle foglie che avete staccato e tagliatele a metà lungo la linea della costola centrale.
In un cutter elettrico mettete il Leerdammer e tritatelo, aggiungete quindi mortadella e 3 cucchiai di pistacchi e tritate il tutto piuttosto fine, completate con la ricotta, la robiola e gli aromi.
Tritate i rimanenti pistacchi e teneteli da parte.
Spalmate il composto di mortadella sulle mezze foglie di verza in uno strato sottile e arrotolatele fino ad ottenere dei rotolini compatti come quelli in foto, riponete in frigo per 30 minuti.

Togliete dal frigo, pareggiate i lati dei rotolini e tagliateli in cilindretti uguali di circa 2,5 cm di altezza.
Intingere le estremità dei rotolini nei pistacchi tritati e servite.

0 commenti:

anche su Profumi dal Forno

e su facebook