Perché Tapiro onnivoro?

Tutto avvenne anni e anni fa... prima di Striscia... molto prima che il Tapiro diventasse un animale conosciuto ai più grazie alla fama televisiva.
In un momento qualunque, durante un inverno tra il 1990 e il '92..... continua a leggere

Su Apple store

Su Apple store
di Gabriele e Valentina Baldi - Edizioni Alpha Test

Tapiro's urban creations

Tapiro's urban creations
La mia segreta passione per lo shaping....

About Me

Le mie foto
gabribaldi
Sono uno dei tanti che sogna di trasferirsi con tutta la famiglia in un agriturismo immerso nel verde con a disposizione il sole e le onde del mare, strade e sentieri per bici da corsa e MTB, il vento per la barca a vela, l'ombra degli ulivi, le falesie....
Visualizza il mio profilo completo

Frasi celebri

Cavilla sui tuoi limiti ed essi ti apparterranno (Richard Bach)
Powered by Blogger.
mercoledì 26 febbraio 2014

Pane rustico al farro bianco e sette effe marino con pasta di riporto

In vacanza al mare, entro in panetteria e vedo una bella selezione di farine mulino Marino. Ovviamente invece di comprare il pane ho comprato le farine!
Farro bianco e "sette effe" (sfarinato di grano duro, farina di grano tenero, farro, segale, riso, grano saraceno e mais) per una lavorazione relativamente veloce.
Idratazione moderata sia perché lavoravo a mano sia perché volevo una mollica piuttosto fine, morbida e cotonosa.

Ho impastato a mano una parte della farina sette effe per realizzare una pasta di riporto cui poi ho unito il resto delle farine.

Ricetta


Per la pasta di riporto
  • farina sette effe 300 g
  • acqua 180 g
  • sale 6 g
  • lievito di birra disidratato 1 g (se fresco 3 g)
Impastare in una ciotola per 5 minuti circa, quindi lasciare a temperatura ambiente 3 ore.

20 min prima delle tre ore preparare un'autolisi con:
  • farina sette effe 100 g
  • farina di farro bianca 400 g
  • acqua 300 g
Trascorsi i 20 minuti stendere sulla spianatoia la pasta di riporto, spargere sopra un mix di
  • farina 15 g
  • lievito di birra disidratato 1,5 g (se fresco 5 g)
  • zucchero 5 g
Quindi stendere sopra l'autolisi.
Utilizzando una raschia, tagliare questa sorta di sandwich a pezzetti e trasferirlo in una ciotola ampia.

Impastare a mano per 5 minuti circa quindi aggiungere pian piano
  • acqua 30 g
  • sale 10 g
Impastare altri 5 minuti quindi aggiungere ancora
  •  acqua 30 g
Completare l'impasto fino a impasto liscio, formare una palla e trasferirla in un contenitore unto, coprire con un telo spesso.

T di fine impasto 25-26°

Particolare crosta


Fermentazione
Attendere 40 minuti e dare un giro di pieghe a tre, rimettere nel contenitore e coprire con un telo spesso
Altri 40 minuti e pieghe a 3, coprire con un telo spesso
Altri 40 minuti, suddividere secondo il peso desiderato e preformare a sfera
Attendere 15-20 minuti e formare a sfera o a filone corto, porre in un cestino foderato con un canovaccio spolverato di farina o direttamente su un canovaccio spolverato di farina. Chiusura in su. Coprire con un telo spesso.
Completare la lievitazione (circa 45'-60'), incidere e infornare.




 


Cottura
Forno statico a 240° per 10 minuti, vaporizzando all'infornata. Abbassare quindi il forno a 220° e completare la cottura mettendo in fessura gli ultimi 5 minuti. Crosta scura.

Per 1350g circa ho fatto 10'+60' ed è venuto molto ben cotto (per me il rustico... deve essere ben cotto... mi piace la nota leggermente amarognola della crosta).

Ciao!







0 commenti:

anche su Profumi dal Forno

e su facebook